Esta web, cuyo responsable es Bubok Publishing, s.l., utiliza cookies (pequeños archivos de información que se guardan en su navegador), tanto propias como de terceros, para el funcionamiento de la web (necesarias), analíticas (análisis anónimo de su navegación en el sitio web) y de redes sociales (para que pueda interactuar con ellas). Puede consultar nuestra política de cookies. Puede aceptar las cookies, rechazarlas, configurarlas o ver más información pulsando en el botón correspondiente.
AceptarRechazarConfiguración y más información
presenta:
Frankie Guerrieri
Editar foto autor
Frankie Guerrieri

 

                     

                       Frankie Guerrieri è nato nel segno del sagittario per lo zodiaco e nel segno del cavallo per l’oroscopo cinese. Poeta di nessun luogo e di nessun tempo, si è dedicato per quasi tutta la vita alla passione per la poesia, una passione forse sbocciata troppo presto e che mai come nessuna rosa fu tanto piena di spine.

   Già ai primi anni ottanta del secolo scorso risalgono dei testi di poesie prevalentemente urbane e sociali, argomenti che nei decenni successivi del secolo ventunesimo, illustreranno paesaggi più bucolici, dove natura e mitologia tornano ad essere i luoghi di riferimento, le fonti d’ispirazione.

 

   ‘‘Poemata Marmorea Monumenta’’ pone in rilievo il disagio esistenziale del periodo giovanile che si va risolvendo nel corso della maturità, durante quell’evoluzione digitale che segna il cambiamento epocale nel passaggio dal vecchio al nuovo millennio, ma ciò che doveva essere nelle intenzioni iniziali una conversazione per statue di marmo, diverrà per lo più una collezione di reperti poetici.

   ‘‘Mythe de Æula’’ è un esperimento scritto in francese e tratta tematiche ispirate al paganesimo, è il canto di colui che è solo, il poema di chi non è amato. L’uso della lingua francese è una tendenza che ribadisce l’inclinazione per la poesia: ‘‘graine de l’illusion! épi de la solitude!..’’.

   ‘‘Reliquiem’’ è l’insieme di quei ‘poèmes de jeunesse’ che erano stati scartati e che continuavano a riecheggiare nei meandri della mente, riscoperti e risolti per celebrare il quarantennio poetico dal 1983 al 2023, poemetti sorti dalla fusione tra l’ingenuità di prima ed il senno di poi, che nel blues trovano la loro colonna sonora.

 

   Il suo è uno stile decadente ispirato da libero pensiero e composto da versi sciolti o in rima che vanno intesi più in senso visivo che sonoro, dove la poesia è la tela, la penna è il pennello e le parole i colori, creando affinità con la pittura, l'architettura, la scultura e con tutte quelle discipline da cui deriva il senso universale dell’arte.

   La sua poetica è una percezione del tempo concepita in una dimensione dello spazio, sempre in bilico tra realismo ed irrealismo, tra immanenza e trascendenza, tra fatalità e sogno, la poesia è così: ‘‘il tentativo di dare un senso alla desolazione dell’esistenza! la vela che splende nel vento delle sensazioni! lo specchio in cui brucia il fuoco della memoria!’’.